Eventi Gratis in streaming: il 10% dei soci delle srl può chiedere la revoca degli amministratori !

info sugli eventi—> https://www.ilnuovocommercialista.it/eventi/

“Sapevi che dal 21 marzo 2019 il 2409 è stato esteso anche alle srl, anche quelle piccole” ? Con questa estensione il 10% dei delle srl può portare la denuncia al tribunale delle imprese per chiedere la revoca degli amministratori e la nomina dell’ammnistrazione giudiziaria.

E dunque non hai un adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile, rischi (come amministratore) di andare addirittura a casa!

Citando una recentissima sentenza, a tal proposito il tribunale di Milano parla di “mala gestio”, cioè gestione non adeguata.Addirittura i giudici hanno espressamente detto che il budget e l’analisi di bilancio, benchè utili, non sono sufficienti a configurare un adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile.

Quindi TUTTE le aziende, anche quelle che vanno BENE, devono dotarsi di uno strumento di controlloqualitativo atto ad intercettare eventuali indizi di crisi, cioè in grado di fare prevenzione.

Lo strumento ideale per adempiere a questo obbligo è la Balanced Scorecard, riconosciuta come l’unico strumento al mondo a livello scientifico (ideato nel 1992 negli Usa da Kaplan e Norton e ora utilizzato da tutte le nazioni più avanzate al mondo) per assolvere alla funzione di cui sopra.

Per avere maggiori info partecipa ai prossimi eventi gratuiti in streaming sulla Balanced ScorecardSaranno proprio questi i temi dei prossimi eventi in streaming, ai quali ti consiglio caldamente di partecipare per poter aumentare le possibilità di dare alle aziende del nostro paese un futuro migliore; hai l’opportunità di farlo gratuitamente partecipando ai prossimi eventi in STREAMING sul Cruscotto di Controllo (direttamente dal tuo ufficio, da casa tua o da dove vuoi): https://www.ilnuovocommercialista.it/eventi/

Il tribunale di Milano condanna per “Mala Gestio” gli amministratori che non hanno dotato l’azienda di un adeguato assetto ORGANIZZATIVO AMMINISTRATIVO E CONTABILE (cioè che non hanno il cruscotto di controllo in azienda)

e cambia tutto ….anzi IN VERITÀ RAFFORZA QUELLO CHE VADO DICENDO DA DUE ANNI:- Il tribunale di Milano condanna per “Mala Gestio” gli amministratori che non hanno dotato l’azienda di un adeguato assetto ORGANIZZATIVO AMMINISTRATIVO E CONTABILE (cioè che non hanno il cruscotto di controllo in azienda)- il Tribunale di Milano ha chiarito che fare i Budget o analisi di bilancio non costituisce ADEGUATO ASSETTO ORGANIZZATIVO AMMINITRATIVO E CONTABILE.- Il tribunale di Milano ha chiarito che la PARTE della riforma della crisi entrata in vigore il 16 marzo 2019 RIGUARDA LA PREVENZIONE E NON LA DECOZIONE.

Quindi l’obbligo degli amministratori NON È QUELLO DI SEGNALARE IL SUPERAMENTO DEGLI INDICI (che entreranno in vigore a settembre 2021) ma quello di DOTARE L’AZIENDA DI UNA ADEGUATO ASSETTO ORGANIZZATIVO AMMINISTRATIVO E CONTABILE (Cioè mettere il cruscotto: per info sul Cruscotto partecipa Gratis ai nostri eventi in streaming, cerca il più comodo per te su https://www.cruscottodicontrollo.it/).

– Il Tribunale di Milano ha stabilito che i REVISORI DEVONO PRESIDIARE GLI INDIZI (e non gli indici) DI CRISI e che la REVISIONE È CAMBIATA: il revisore diventa TUTOR della continuità aziendale.- Il Tribunale di Milano ha stabilito che è obbligo di amministratori e revisori di presidiare l’insorgenza degli indizi di crisi cioè di misurare la persistenza della Continuità AziendaleLa Balanced Scorecard di Kaplan e Norton (il Cruscotto di Controllo è una balanced scorecard) è l’unico strumento validati scientificamente capace di rispettare l’art. 2086 secondo comma.Per info sul Cruscotto partecipa Gratis ai nostri eventi in streaming, cerca il più comodo per te su https://www.cruscottodicontrollo.it

Da fare subito:1 circolarizzare la pronuncia del Tribunale di Milano;2 convocare i clienti ed informarli e formarli degli obblighi di cui all’art. 2086 secondo comma;3 sottoporre la soluzione adottata dallo studio per il rispetto del 2086 secondo comma (il Cruscotto di controllo) oppure farsi firmare il consenso informato.QUESTA È UNA COSA SERISSIMA ED ESPONE A RISCHI SERISSIMI I NOSTRI CLIENTI.Ps: se io fossi stato l’amministratore di quella società avrei detto: Ma scusi Giudice lei dice che io non sono adeguato ma guardi che io pagavo il Dottor Ragioniere Revisore Contabile Tizio e lui doveva avvisarmi in quanto dotato di una superdiligenza rispetto alla mia, siccome non lo ha fatto e lui ha un’assicurazione i DANNI CHIEDETELI A LUI………..

Ecco l’articolo di giornale uscito su ItaliaOggi:

3° Convention del Network Consulenti d’Italia e prossimi eventi

Si è tenuta presso l’Hotel Il Timone di Porto San Giorgio (FM) dal 3 al 6 settembre, il terzo convegno nazionale del Network Consulenti Aziendali d’Italia dal titolo “Life on mars 2020!…nuove e fantastiche sfide ci stanno aspettando!”

Il network dei consulenti aziendali d’Italia https://www.consulentiaziendaliditalia.it/ è composto esclusivamente da Dott.ri commercialisti e consulenti aziendali che condividendo la visione circa il futuro della professione: lontano dal fisco non più prestatori di servizi, ma consulenti strategici che hanno deciso di migliorare i propri studi professionali adottando servizi ad alto valore aggiunto come ad esempio il Cruscotto di controllo, che rappresenta il primo step verso questa evoluzione professionale.

A proposito di Cruscotto ti invitiamo ai prossimi eventi gratuiti in streaming: https://www.ilnuovocommercialista.it/eventi/
Ideatore del Cruscotto di Controllo: il primo ed unico software di controllo di gestione cloud basato sulla BSC che misura la continuità aziendale in linea col nuovo art. 2086 c.2 c.c., e coordinatore del network dei consulenti aziendale d’Italia, è il Dott. Simone Brancozzi a cui è stata quindi affidata l’apertura dei lavori e ha fatto da moderatore durante la Convention.

I professionisti presenti in aula rappresentanti di cinquantadue studi di commercialisti provenienti da tutta Italia a cui vanno aggiunti almeno cento collegati via web attraverso i canali social del network, hanno potuto assistere ad un susseguirsi d’interessanti interventi utili a fornire sia spunti di riflessione e dibattito in aula sia a fornire soluzioni innovative rispetto alle nuove sfide che si stanno presentando.

Il Dott. Andrea Casadei ha affrontato il tema della sostenibilità che si traduce in termini aziendali nel bilancio sociale, certificazione etica, modelli organizzativi introdotti dal D.Lgs 231/01 e rating della legalità. Strumenti che rafforzano l’azienda non solo nei confronti della Pubblica Amministrazione ma anche degli istituti di credito..

In vista della fine delle politiche degli ammortizzatori sociali illuminante è stato l’intervento del Dott. P. Giacometti di WelfareBit e della Dott.ssa L. Pozzi dello Studio Pozzi che hanno trattato il tema del welfare aziendale come opportunità di abbattimento del costo del lavoro; incentivazione del personale e come strumento leva per la gestione del clima aziendale.

Il D.Lgs 81/08 è stato al centro dell’intervento del Dott. A. Tripoli che grazie alla sua consolidata esperienza empirica è riuscito a riassumere i punti fondamentali della normativa: gli oneri in capo alle aziende e gli errori più comuni che solitamente commettono in tema di sicurezza sul lavoro non dimenticandone i risvolti penali previsti dalla stessa norma.

Non poteva mancare il focus sulla finanza delle PMI; da ricordare gli interventi del Dott. M. Fusco dello Studio Mainini in collegamento da Roma che sul tema della finanza altervanita ha offerto validi spunti di riflessione e validi strumenti alternativi al canale bancario.

A seguire l’intervento del Dott. T. Candeago della società OpenFinance specialisti nella finanza agevolata che ha fatto il punto sui principali strumenti di agevolazione per le aziende.

Successivamente ha voluto porgere i saluti collegato digitalmente da Milano il Prof. A. Bubbio che è stato il primo in Italia a tradurre i libri sulla BSC di Kaplan e Norton, nell’occasione ha ricordato l’avvio del master a settembre promosso dalla LIUC Business School che prevede un programma di certificazione della BSC, ha chiuso l’intervento complimentandosi sull’iniziativa e condividendo la visione circa il futuro della professione.

Il network quale strumento di coesione professionale ha raccolto la testimonianza del Dott. F. Mazzocchi che con l’intervento dal nome: lo studio strategico ha mostrato come l’utilizzo del cruscotto di controllo applicato allo studio professionale sia un valido strumento di pianificazione e controllo.

Infine, non meno importante è stato il tema della comunicazione affrontato del Dott. Cicchini sul web marketing e del Dott. M. Corso formatore accreditato a structogram Italia che ha introdotto il percorso structogram.

All’interno del programma della 3° Convention Nazionale del Network non sono mancati momenti di svago come la visita al museo ed alle cisterne romane di Fermo. La prima giornata si è conclusa con il saluto del sindaco Paolo Calcinaro, a seguire la visita ad Ascoli Piceno dove il gruppo del Network ha ricevuto i saluti del sindaco della città Marco Fioravanti e alla fine di una splendida cena che avuto come cornice una delle piazze più belle del mondo ossia la piazza del popolo, sono state consegnate ai membri del gruppo gli attestati di appartenenza al network, infine sono mancate le visite alla città di Macerata, Recanati, Loreto e alla meravigliosa spiaggia delle due sorelle.

Per qualsiasi approfondimento sul futuro della professione, sugli strumenti, le tecniche, i consigli e la vision da seguire per pensare al futuro con ottimismo ed impostare al meglio le nostre vite professionali, ti consiglio di partecipare ai prossimi eventi Gratuiti in streaming sulla Balanced Scorecard.

Clicca sui link seguenti per info e iscrizioni ai prossimi eventi: https://www.ilnuovocommercialista.it/eventi/

Cosa dicono i report delle analisi di bilancio o le analisi degli scostamenti dei budget dopo 8 mesi di esercizio?

Ma la vera domanda è: hanno senso delle analisi fatte su dati passati (quelli dei bilanci dei mesi passati) che sono solo RISULTATI IMMUTABILI e soprattutto considerando che il FUTURO SARÀ COMPLETAMENTE DIVERSO DAL PASSATO?
Il Covid fra le tante evoluzioni che ha causato, ha sancito la fine definitiva del controllo quantitativo e delle governance basate su di esso.
Speriamo che tutti gli attori della prassi aziendale (accademici, consulenti, manager, imprenditori, finanziatori, etc) abbiano capito che occorre un approccio strategico rivolto all’analisi e al controllo del FUTURO e non del passato. I nostri strumenti (software di mappa strategica e Cruscotto di controllo) i primi ed unici software basati sulla BALANCED SCORECARD di Kaplan e Norton hanno questa finalità: Capire cosa fare per avere successo in futuro e controllare che lo si stia facendo oltre che a rispettare il 2086 secondo comma che ricordo è in vigore dal 16 Marzo 2019 ed impone a tutti gli imprenditori di avere un adeguato ASSETTO ORGANIZZATIVO AMMINITRATIVO E CONTABILE.
Il controllo di gestione qualitativo (analisi di bilancio e budgeting) pone l’accento su dove si è sbagliato in passato, il controllo qualitativo si concentra su COSA FARE, uno giudica l’altro propone soluzioni. Uno è pessimista l’altro è ottimista. Uno è introverso e l’altro è estroverso. Uno piange l’altro ride.
Non vorrei che la scelta fra quale adottare sia una questione di carattere e non sia invece un fatto scientifico.
Se vuoi approfondire il controllo qualitativo e la balanced scorecard partecipa ai nostri webinar gratuiti. Cerca il più comodo per te su : https://www.cruscottodicontrollo.it/?fbclid=IwAR3L90CYxErvTCrvwbZ4uIzKge4qKzO60AL-9nmk2j0ZqIv-bwawkP-L78k

Il controllo di gestione sta diventando un must: eventi Gratis in streaming il 3 e 11 settembre

Ciao,

In questo periodo nella rete il controllo di gestione sta diventando un must: moltissimi soggetti, non commercialisti (es. l’escapologo, Alfio Bardolla, Andrew & Sax…) , stanno propendo servizi di controllo di gestione (guarda gli screenshot più in basso).

E’ chiaro che il mercato sta quindi chiedendo (dal punto di vista della domanda) il CONTROLLO DI GESTIONE, altrimenti questi soggetti non si butterebbero su questo mercato…

Ecco alcuni dei soggetti di cui ti parlavo sopra.

Noi abbiamo la possibilità di cavalcare questa tendenza avendo il migliore strumento che c’è: la BALANCED SCORECARD (perchè sapete che il Cruscotto di Controllo è una Balanced Scorecard)
ed abbiamo anche la possibilità di certificare a livello universitario le nostre competenze sulla Balanced Scorecard, grazie al corso della LIUC che si tiene in collaborazione con Alberto Bubbio.
 
Moltissimi colleghi continuano invece a perdere tempo intorno agli adempimenti, a spendere soldi per aggiornarsi sul nulla e leggere circolari ministeriali che il giorno dopo vengono disattese…
La parte fiscale andrebbe delegata ai nostri migliori collaboratori, come faccio io da oltre 10 anni, e noi dovremmo curare il cliente ed occuparci di consulenza ad alto valore aggiunto!
 
L’altra direttrice di sviluppo su cui ho puntato e su cui continuerò a puntare tantissimo è la comunicazione: se noi vogliamo esistere vogliamo comunicare.
Dobbiamo presidiare le nostre “nicchie” di mercato e mostrare quello che sappiamo fare a tutti.
O ti distingui o ti estingui.
 
Ti invito ad approfondire tutte queste tematiche, confrontarti con i colleghi e parlarne anche con me, partecipando ai prossimi eventi Gratuiti in Streaming che si terranno il 3 e l’11 settembre:
>3 settembre h 18.30-20.30 Cruscotto Training Camp (corso di 2° livello solo per chi ha già frequentanto un Bootcamp Cruscotto di Controllo)
>11 settembre h 9-17 Bootcamp Cruscotto di Controllo (aperto a tutti)
 
Per info e iscrizioni ecco i link:
Training Camp 3 settembre
Cruscotto 11 settembre

La mission: eventi 20 e 24 agosto sul Cruscotto in streaming

◆◆◆LA MISSION: eventi 20 e 24 agosto sul Cruscotto in streaming
Cruscotto 20 agosto : https://www.cruscottodicontrollo.it/evento-cruscotto-di-controllo-milano/
Training Camp 24 agosto : https://www.cruscottodicontrollo.it/cruscotto-training-camp/

In questo video mi voglio focalizzare sulla mission: una parola spesso ritenuta (erroneamente) astratta, ma un concetto fondamentale che mi ha sempre guidato nelle scelte e che indubbiamente potrà aiutare anche te a percorrere la strada giusta verso un futuro migliore.

Guarda attentamente il video, in cui ti segnalo che abbiamo portato a termine con il mio amico Bubbio la formazione sul master Balanced Scorecard LIUC (www.bscitaly.it), con inizio a fine settembre: sarà La prima e unica certificazione per Sviluppatori di Balanced Scorecard in Italia!

Per maggiori info puoi andare anche sul sito della LUIC a questo link http://www.liucbs.it/formazione-manageriale/formazione-a-catalogo/certificazione-balanced-scorecard-italia

Sono felice di lasciarti anche 3 piccoli regali, sono 3 video:
-un’intervista di Alberto Bubbio che parla di pianificazione e Balanced Scorecard
-un’intervista fatta a 2 mani tra me e Bubbio
-la videotestimonianza del collega Avio Berti

Se vuoi vederli, puoi farlo direttamente a questo link (li abbiamo messi tutti e 3 insieme e puoi anche ascoltarli in auto con le cuffie) https://www.youtube.com/watch?v=9Y5_VpXZvBQ

Ed infine ti ricordo che saranno proprio questi i temi dei prossimi eventi in streaming, ai quali ti consiglio caldamente di partecipare per poter aumentare le possibilità di dare alle aziende del nostro paese un futuro migliore; hai l’opportunità di farlo gratuitamente partecipando ai prossimi eventi in STREAMING sul Cruscotto di Controllo (direttamente dal tuo ufficio, da casa tua o da dove vuoi):
Cruscotto 20 agosto : https://www.cruscottodicontrollo.it/evento-cruscotto-di-controllo-milano/

Training Camp 24 agosto : https://www.cruscottodicontrollo.it/cruscotto-training-camp/

Il professor Brancozzi sbarca a Milano: insegnerà alla Liuc

Non è il titolo di un film, ma è solo la sintesi della nuova avventura come docente universitario del professore Simone Brancozzi alla Liuc. Brancozzi coordinerà, insieme al professore Alberto Bubbio, noto esperto di economia aziendale, il percorso di formazione per la certificazione di Balanced Scorecard Italia.
Per maggiori info http://www.liucbs.it/formazione-manageriale/formazione-a-catalogo/certificazione-balanced-scorecard-italia

Simone Brancozzi, nato a Grottazzolina nel 1963, si è laureato con la tesi in ’Patologia generale dell’azienda – studio sulla soluzione delle crisi aziendali’ alla facoltà di Economia dell’università di Ancona. Dal 1998 fino al 2017 ha insegnato ragioneria generale applicata, analisi di bilancio ed economia aziendale nella stessa facoltà e in istituti secondari. Nel 2010 ha ottenuto il dottorato di ricerca in economia aziendale presso l’università Politecnica delle Marche. Dal 1990 svolge la professione di dottore commercialista e di revisore contabile a Fermo effettuando consulenze di direzione aziendale. Ha al suo attivo la pubblicazione di più di 30 volumi editi da Amazon sulla gestione d’impresa, la connection economy e il web marketing. Da oltre 20 anni effettua ristrutturazioni e tutoraggi aziendali. Dal 2020 fa parte dei professional partner de Il Sole24Ore.

La gestione dei sistemi di pianificazione e controllo centrati sulla BalancedScorecard

La gestione dei sistemi di pianificazione e controllo centrati sulla #BalancedScorecard sarà l’oggetto del percorso di formazione della LIUC Business School (in partenza il 28 settembre 2020) rivolto ad AD, Planner e Controller e professionisti (come Dottori Commercialisti e Consulenti di impresa), che sono alla ricerca di #strumenti efficaci per prevenire situazioni di #crisi d’impresa, in ragione anche delle disposizioni recenti della normativa italiana. Iscrizioni aperte!

Per info http://www.liucbs.it/notizie-ed-eventi/balanced-scorecard-uno-strumento-al-servizio-delle-imprese/?fbclid=IwAR2ahQsgIVbxMQQhLQ1SNBUKE-ZiqS933RRKCSfbRmAyxNIx4XsavbxSjB4

Cruscotto Training Camp 5 agosto 18.30 2° livello

Cruscotto Training Camp 5 agosto 18.30 2° livello
per info https://www.cruscottodicontrollo.it/cruscotto-training-camp/
➡Solo per te che hai frequentato il corso di 1° livello con il Prof. Brancozzi: sei pronto per diventare un Commercialista Strategico in grado di padroneggiare la Balanced Scorecard?
Mercoledì 5 agosto dalle 18.30 alle 20.30 abbiamo organizzato un evento speciale di 2 ore: il Training Camp sul Cruscotto di Controllo Aziendale.

Saranno 2 ore intensissime, piene di casi pratici sul Cruscotto!
Un’ occasione unica per fare un ulteriore salto di qualità e mettere in tasca questa affilatissima arma che oltre 170 colleghi in tutta Italia già hanno: il Cruscotto di Controllo…
Relatore dell’incontro sarà l’ing. Roberto Verducci, tutor del team Cruscotto di Controllo del Dott. Brancozzi.
Questo corso è riservato solamente a chi ha partecipato al Bootcamp sul Cruscotto come te, perchè richiede alcune conoscenze tecniche: è un corso di 2° livello.

La partecipazione è ovviamente gratuita, come tutti i nostri eventi, per partecipare compila il form che trovi al seguente link: https://www.cruscottodicontrollo.it/cruscotto-training-camp/ oppure contattaci ai nostri recapiti
Tel. 0734/605020
N° verde 800135806
Mobile Prof. Brancozzi 3357589095 Email simone.brancozzi@gmail.com

Impresa vendibile e proceduralizzata: eventi sul Cruscotto di Controllo in streaming

Io sostengo che l’impresa deve essere vendibile e per esserlo deve essere proceduralizzata.

Ma il mio Maestro, Prof. Fiorenzo Lizza, sostiene che ci vuole tecnica, io dico talento. Mi si potrebbe obiettare: per proceduralizzare un’azienda occorre solo la tecnica. Se io sono ordinato e so scindere un processo geometrico, se io so scomporlo nelle operazioni elementari e integrarle in un sistema altamente funzionale, ho bisogno di una tecnica molto accurata, non di talento (bisognerebbe analizzare le implicazione dell’antico concetto di techne e ripensarlo all’interno dell’azienda).

Di tutto questo e tanto altro parleremo ai prossimi evento Gratuiti in webinar su piattaforma GotoMeeting: per info e iscrizioni—>http://www.ilnuovocommercialista.it/eventi/

Quindi in questo caso non vince chi ha l’idea migliore (talento?) ma chi la sa realizzare. Quanti hanno la stessa idea? Tanti; ma solo pochi la sanno realizzare. Quanti hanno pensato che vendere online sarebbe stato il futuro? Ma non tutti quelli che lo pensano poi lo sanno fare. Forse si può pensare che io mi stia contraddicendo se poi mi riferisco con passione al talento. Il business anglosassone funziona perché hanno la tecnica: sanno come fare, hanno le procedure. Ecco perché sono così “fissati” con la creatività: perché non ce l’hanno davvero (come non ce l’avevano i Romani rispetto ai Greci).
Si può dire che anche l’avere un’ottima tecnica è un talento, però poi si sarebbe costretti ad ammettere che non si può imparare.

Il talento sta nel come realizzo qualcosa di concreto, non nel come gestisco un processo. Il talento sta nel come taglio una tomaia, nel come saldo un pezzo, nel come salo un prosciutto, nel come traccio una linea. Il talento sta proprio in ciò che non può essere proceduralizzato (è quello che chiamo alto valore aggiunto).

Quindi facendo una sintesi potrei dire: noi italiani che abbiamo così tanto talento dovremmo imparare ad introdurre un 20% di procedure per non sperperare reddito operativo, per avere aziende efficienti, competitive. scarsamente imitabili. Invece noi esportiamo il nostro talento all’estero con il doppio effetto negativo: restiamo senza talenti che potrebbero dare impulso a business importanti qui e non abbiamo aziende funzionali.

Di tutto questo e tanto altro parleremo ai prossimi evento Gratuiti in webinar su piattaforma GotoMeeting: per info e iscrizioni—>http://www.ilnuovocommercialista.it/eventi/

In un’azienda l’imprenditore deve avere talento e tecnica insieme? No per forza, perché non possiamo più permetterci di una cultura aziendale personalistica. Chi ha talento e chi ha tecnica debbono imparare a lavorare insieme.

Questo, dal punto di vista dialettico, non significa che chi ha talento non ha anche tecnica e chi ha tecnica non ha talento, ma conta la complementarietà. Insomma l’azienda è un organismo complesso in cui il personalismo non può più regnare, perché l’imprenditore deve imparare a delegare. Per delegare deve avere procedure.

Come nel Cinema: il regista non può essere contemporaneamente direttore della fotografia, attore, compositore, truccatore, etc, come l’imprenditore non può voler far tutto da sé. L’imprenditore è un regista, non un factotum (letteralmente, uno che fa tutto).

Quindi, sono giunto alla conclusione che abbiamo ragione entrambi: sia io sia il Prof. Lizza.

Così il quadriamo il cerchio.

Proprio in questo contesto il commercialista assurge ancora di più a figura chiave: può aiutare l’imprenditore che ha talento ad imparare la tecnica. Può consigliare all’imprenditore che ha tecnica a trovare qualcuno che abbia talento. Il commercialista STRATEGICO consulente può addirittura favorire la formazione di reti (nets) di imprenditori, può creare collegamenti.

Il commercialista sta all’imprenditore come Virgilio sta a Dante.
Se vuoi evolvere a Commercialista Strategico vieni ai prossimi evento Gratuiti in webinar su piattaforma GotoMeeting: per info e iscrizioni—>http://www.ilnuovocommercialista.it/eventi/